by lazzaro lina - Ourboox.com
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

“La crisi idrica mondiale” – Il diritto alla salute e alla salvaguardia ambientale contro lo spreco delle risorse e i comportamenti sbagliati dei paesi più ricchi che portano anche ai conflitti tra gli Stati.

by

Artwork: Alunni delle classi IIIA - IIIB - IIIC

  • Joined Jul 2016
  • Published Books 1

 

 

“L’acqua è la materia della vita, è matrice, madre e mezzo.

Non esiste vita senza acqua!”

1

L’ACQUA

L’acqua è un bene prezioso, è indispensabile per la vita sulla Terra. Ha permesso lo sviluppo della vita sul nostro pianeta. Senza questo necessario e fondamentale elemento nulla sarebbe stato possibile. Molti poeti, come Quasimodo, Ungaretti e D’Annunzio, si sono ispirati all’acqua per scrivere meravigliose poesie, oppure hanno reso questo bene fondamentale protagonista dei loro versi.

2
 by lazzaro lina - Ourboox.com

L’intera poesia si configura come un vero e proprio concerto che ha come unici spettatori il poeta e la sua compagna Ermione. Sorpresi dalla pioggia durante una passeggiata nella pineta, i due protagonisti scoprono con sorpresa che le gocce di pioggia cadendo sulle piante producono molteplici suoni e tutti insieme danno vita a una meravigliosa sinfonia naturale: le gocce d’ acqua che cadono diventano così innumerevoli dita che suonano tanti strumenti diversi, perché ogni pianta, a seconda delle sue caratteristiche, colpita dalla pioggia, emette un suono.

4

Vv. 4-7 “Ma odo parole più nuove che parlano gocciole e foglie lontane”;

vv. 33-40 “Odi! La pioggia cade sulla solitaria verdura con un crepitio che dura e varia nell’aria secondo le fonde più rade, men rade”;

vv. 10-15 “Piove su le tamerici salmastre ed arse, piove sui pini scagliosi ed irti, piove sui mirti divini”;

vv. 24-29 “sui nostri vestimenti leggieri, sui freschi pensieri che l’anima schiude novelle, su la favola bella”;

vv. 46-51 “E il pino ha un suono, e il mirto altro suono, e il ginepro altro ancora, strumenti diversi sotto innumerevoli dita”;

Al suono della pioggia si uniscono poi gli assoli delle cicale e delle rane, quasi cantanti solisti;

vv. 89-93 “La figlia dell’aria è muta; ma la figlia del limo lontana, la rana, canta nell’ombra più fonda”;

A rendere lo spettacolo più inebriante, oltre alle suggestioni sonore anche quelle olfattive: la pioggia battendo sulla vegetazione estiva ne sprigiona più forti e intensi i profumi, e profumano più forte le ginestre, le bacche di ginepro, gli aghi di pino.

L’argomento di questa poesia è la dissoluzione panica dell’uomo negli elementi acquatico-vegetali della natura.

L’Acqua è un tipo di esempio del panismo dannunziano. Nella poesia assistiamo infatti al progressivo trasformarsi dei due protagonisti in elementi naturali come nelle celebri metamorfosi del mito.

5

La metamorfosi avviene gradualmente come se la fusione tra l’essere umano e il paesaggio naturale fosse reso possibile dalla pioggia che cade sulla pineta e sui loro volti, sulle loro mani e sui loro vestiti:

vv. 20-21 i volti dei due protagonisti sono definiti <<silvani>> già in sintonia con lo scenario naturale che li circonda;

vv. 52-55 sono <<immersi>> nello <<spirito silvestre>> a tal punto da vivere come due pianta: “d’arborea vita viventi”;

vv. 58 e 60 Ermione ha il viso bagnato <<come una foglia>> e i suoi capelli profumano come <<le chiare ginestre>>;

vv. 99-100 Ermione ormai non ha più la pelle bianca di una donna ma è verde <<virente>> come se uscisse dalla corteccia di un albero. La metamorfosi è quasi completata;

vv. 103-108 anche il poeta si unisce alla trasformazione che finora ha riguardato solo la sua compagna: il loro cuore <<pesca>>, gli occhi piccole pozze d’acqua sorgiva tra l’erba, i denti <<mandorle acerbe>>. La trasformazione dell’uomo in pianta è totale e definitiva.

6
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Il testo, uno dei componimenti più conosciuti di Aldo Palazzeschi, propone una parodia consapevole di “La pioggia nel pineto” di D’Annunzio, realizzando una poesia ironica e dissacrante, costituita sull’immagine della fontana, metafora parodica del canto poetico. La poesia non è un canto dispiegato, trionfale alla maniera dannunziana da un singhiozzo retto e lamentoso.

Palazzeschi, riflettendo sul ruolo della poesia nel mondo contemporaneo, gioca su una concreta fontana “malata”: qui l’antropomorfizzazione dell’oggetto inanimato aggiunge ulteriore ironia e potenzia l’effetto mimetico.

La fontana tossisce come farebbe un malato di raffreddore: l’acqua scende a “singhiozzi” come da rubinetto otturato;

vv.10 “la povera fontana malata che spasimo! sentirla tossire. tossisce, tossisce”;

vv.64 “andate correte, chiudete la fonte, mi uccide quel suo eterno tossire”;

Il testo è anche ricco di onomatopee. v.1 “clof, clop, cloch, cloffete, cloppete, clocchete, chchch”.

8
 by lazzaro lina - Ourboox.com

“E L’ACQUA”

L’ acqua è stata frutto d’ ispirazione anche per autori contemporanei come Roberto Piumini che ha reso questo indispensabile elemento protagonista della sua poesia “E l’acqua”.

In questi versi l’autore descrive la nascita dei ruscelli e dei fiumi (vv. 13 “e l’acqua fresca nasce e fa ruscelli” e vv.6-7-8 “scroscia e frusciando fa il fiume”) e il percorso che compie l’acqua fino a formare i laghi (vv. 10-11 “l’acqua sciolta nuota nelle valli” ; vv.14-15-16 “silenziosa, luminosa, fa il lago”).

Infine il componimento si schiude con la creazione del mare (vv.21-24 “non muore mai e muore, mentre immensa fa il mare”).                                                                                                                                                                                                

                                                         

10

L’acqua oltre ad essere un elemento essenziale per la nostra vita, ci ha anche lasciato degli insegnamenti

molto importanti e utili per uscire dai labirinti in cui ci troviamo nei nostri momenti di difficoltà.

11

Proverbi 

Acqua in bocca

Perdersi in un bicchiere d’acqua: si riferisce a chi, davanti a una situazione banale e facilmente risolvibile, si lascia prendere dal panico

La goccia che fa traboccare il vaso: la goccia rappresenta “il colpo di grazia”, ad esempio vari fatti accaduti che ti hanno infastidito, l’ultimo è quello fatale

Sentirsi come un pesce fuor d’acqua

Lavarsene le mani

Facile come bere un bicchiere d’acqua: si riferisce ad una cosa talmente facile da somigliare alla bevuta di un bicchiere d’acqua

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare

Calmare le acque

12
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Oggi, però, questa preziosissima risorsa è seriamente a rischio a causa delle alterazioni degli equilibri ambientali di cui sono responsabili gli uomini, perché l’acqua, oltre ad essere un elemento vitale, ha anche sostenuto l’uomo nelle sue attività.

14
 by lazzaro lina - Ourboox.com

ACQUA, L’ALLARME E’ MONDIALE

A secco un miliardo di persone. Un miliardo e 200 milioni di persone nel mondo non hanno accesso all’acqua potabile e il 2,4% non ha abbastanza acqua per soddisfare le esigenze igieniche. E’ una catastrofe che colpisce il Sud del mondo, ma che interessa anche l’Europa.  Solo quando si è coinvolti in disastri ecologici di vasta proporzioni si comprende quale importanza riveste per l’umanità questo preziosissimo bene. Una parte dell’acqua viene persa per scelte agricole sbagliate, un’altra parte viene risucchiata da boschi neri.                Secondo i dati di Legambiente, nel 1975 la perdita del volume dell’acqua era del 21% oggi la dispersione è arrivata al 40% contro una, media europea di appena il 13%. Il disastro trova il su picco nel mezzogiorno, dove nel 78% della popolazione ha una disponibilità insufficiente di acqua.

16
 by lazzaro lina - Ourboox.com

L’ACQUA, UN BENE PREZIOSO COME IL PETROLIO

Nel 2025 la Terra ospiterà circa 8 miliardi di persone. Avranno bisogno di molta acqua, almeno il 20 per cento in più rispetto al consumo attuale, soprattutto per soddisfare la richiesta di cibo. Per l’agricoltura si utilizza il 70-80% dell’acqua a disposizione, mentre solo il 15% è usata dall’industria; il resto viene impiegato per usi civili. L’acqua è abbondante sul pianeta, ma già oggi con 6,5 miliardi di uomini, soprattutto là dove vi è la maggiore concentrazione di popolazione, inizia a scarseggiare. Dove verrà trovata nei prossimi anni tutta l’acqua necessaria? Il problema viene discusso dal 12 al 15 agosto al «Water Symposium, Balancing Competing Water Uses», il convegno sull’acqua che si tiene a Stoccolma, dove intervengono i più importanti esperti del settore.

18

L’ IMPORTANZA DELL’ ACQUA

La Terra è l’unico pianeta del nostro sistema solare in cui si è potuta sviluppare la vita. Come mai? Grazie alla presenza di acqua. Circa i due terzi del nostro pianeta, infatti, sono occupati da acqua. Quella che permette lo sviluppo della vita è l’acqua dolce. Dell’acqua presente sulla Terra, circa il 97% è salata, mentre solo il 3% è dolce. L’acqua, dunque, come affermato da Ball in H2O una biografia dell’acqua, è la «matrice della vita». In quanto tale, essa è stata posta come elemento fondamentale per la creazione del mondo: «nella Bibbia “lo spirito di Dio aleggiava sulle acque”; nel Regveda, tutto “era acqua indistinta”». 

19

L’indissolubile rapporto acqua-vita, quindi, è stato percepito da molti miti della creazione, come riporta anche Corbellini in un articolo pubblicato da Il Sole 24 ore il 5 gennaio 2003 intitolato “Una molecola nell’oceano”. Il giornalista afferma anche, però, che l’acqua può costituire un grave pericolo per la salute. Molto spesso, infatti, essa è sporca e per questo motivo favorisce lo sviluppo di malattie quali colera e tifo e trasmette pericolosi virus come quello della malaria. L’uomo, quindi, deve preservare questo bene inestimabile.

20
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Purtroppo non lo fa perché, come riportato dagli Atti della Giornata mondiale dell’alimentazione del 2002, pensa che l’acqua sia un bene inesauribile e sempre disponibile. Questa convinzione, però, non è esatta; l’acqua sta incominciando a scarseggiare in alcune zone, mettendo a rischio la sopravvivenza della natura e dell’uomo stesso. Bisogna saper usare correttamente questo bene prezioso, innanzitutto non sprecandolo o sporcandolo. L’uomo, infatti, come afferma Fontana in L’acqua, natura, uso, consumo, inquinamento e sprechi, deve tenere bene a mente che si va incontro alla morte se non si beve per qualche giorno e che, se scarseggia l’acqua, si muore di fame a causa della conseguente carestia. 

22

Difatti l’acqua viene impiegata anche in agricoltura, che costituisce il nucleo fondamentale dell’economia di molti stati. Parlò bene il Presidente del Consiglio del 2002 in occasione delle Celebrazioni Ufficiali Italiane per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione, quando affermò che il cibo rappresenta la forma primaria che permette uno sviluppo sostenibile. Però, «affinché vi sia cibo occorre che vi sia acqua».

23

IL NOSTRO DIAMANTE AZZURRO

L’acqua è preziosa       

è fresca come una rosa.

Non ha sapore

ma grande valore.

Va rispettata

e mai sprecata.

L’acqua è bella

è come una sorella.

L’acqua è la vita

se la tieni pulita.

Se bene la userai

il pianeta salverai!   

24

L’ACQUA

UNA RISORSA PREZIOSA: PROPRIETÀ  E CARATTERISTICHE

L’acqua è un bene comune fondamentale per la vita. Gli effetti dei mutamenti climatici, l’inquinamento, gli sprechi, la rendono una risorsa sempre più scarsa e al centro di gravi tensioni sociali in particolare nei paesi del sud del mondo. Anche in Italia è diventato più urgente il problema della corretta gestione di questa risorsa che presenta varie criticità.

Ancora oggi nel nostro Paese 18 milioni di cittadini scaricano i loro reflui nei fiumi, nei laghi e nel mare senza depurazione; 9 milioni non sono serviti dalla rete fognaria; 1 milione beve acqua del rubinetto in deroga ai parametri di qualità per arsenico, boro e fluoruri.

25

C’è poi la questione dei canoni di concessione per le acque minerali, un grande business di cui godono ingiustamente solo in pochi. Legambiente si batte affinché l’accesso all’acqua sia garantito a tutti e il suo utilizzo risponda a criteri di utilità pubblica e non di mercificazione della risorsa; promuove nuove politiche di gestione il cui obiettivo è ridurre i consumi, raggiungere maggiore efficienza degli usi, creare una tariffazione diversificata utile per incentivare le buone pratiche e penalizzare gli eccessi di consumo; denuncia situazioni a rischio e illegalità.

26
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Qual è la quantità di acqua potabile nel mondo di cui possiamo disporre?

 

L’acqua potabile scarseggia sulla Terra e quella a noi accessibile non supera l’1% del totale presente nel nostro pianeta. I numeri ci fanno capire quanto sia indispensabile non sprecarla:

– L’intera quantità di acqua presente sulla Terra ricopre circa il 71% della superficie e corrisponde a un volume di 1.386.000.000 km cubi. Di questa ben il 96% è acqua salmastra.

28
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Nei laghi e nei fiumi ne troviamo 8.400.000 km cubi, mentre nei ghiacciai se ne trovano ben 29.200.000 km cubi (gran parte presenti nelle regioni polari e in Groenlandia). Dell’acqua potabile totale il 68% è bloccato nel ghiaccio e solo il 30% si trova a terra in forma accessibile.

30
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Le proprietà dell’acqua

L’acqua è la più ordinaria delle sostanze che presenta caratteristiche straordinarie; le sue particolari proprietà chimico-fisiche motivano una serie di fenomeni anomali, di riscontro quotidiano, come l’ebollizione ad alta temperatura, l’elevato calore specifico, la capillarità, un elevato potere solvente ed una notevole tensione superficiale. E’ la sua struttura molecolare a determinarne le anomalie rispetto alle altre sostanze.

32

La crisi idrica mondiale

 La crisi idrica mondiale è lo stato temporaneo di interruzione nella distribuzione di acqua in un dato territorio. La crisi idrica dei nostri giorni è determinata innanzitutto dall’aumento demografico degli ultimi 100 anni, che ha causato un aumento del 600% di suoli agrari irrigati, necessari per far fronte alle crescenti esigenze alimentari, ma anche da un incremento di oltre il 700% dei consumi idrici complessivi del pianeta: infatti il consumo d’acqua nel mondo è aumentato negli ultimi anni di sei volte, a un ritmo più che doppio rispetto al tasso di crescita della popolazione. Ha pesato, nella crisi idrica, anche la distruzione della metà degli ecosistemi d’acqua dolce del pianeta, comprese le falde acquifere sotterranee, dovuta all’espansione delle aree urbane.

 

 

33

Cause

  • Inadeguatezza degli impianti dovuta a inefficienza e povertà.

  • Scarse precipitazioni dovute al clima ed ai cambiamenti climatici.

  • Illegalità nel ciclo delle acque: captazione delle acque dei fiumi e laghi, pesca illegale e inquinamento idrico.

34

Conseguenze

 

  • Investe l’agricoltura, con la scarsità d’acqua ad uso irriguo.

  • Colpisce l’industria, poiché sono vuoti i bacini idroelettrici.

  • Colpisce la vita civile, perché in un simile contesto l’acqua potabile diviene un bene tanto prezioso quanto razionato.

  • Morte del bestiame, riduzione dell’estensione dei campi coltivati, incendi.

  • Diminuzione della quantità di acqua destinata delle industrie.

35

  • Desertificazione e tempeste di sabbia, soprattutto nelle regioni già desertiche e colpite dall’erosione.

  • Fenomeni di disidratazione nella popolazione.

  • Carestie, dovute alla mancanza di acqua utilizzata per l’irrigazione dei campi coltivati.

  • Migrazioni di massa, sia interne ad una regione, sia riguardanti nazioni diverse.

  • Tensioni sociali e guerre, per assicurarsi beni di prima necessità, come cibo e acqua.

36
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Prospettive 

Il futuro non si presenta molto rassicurante perché si prevedono scarse precipitazioni con un aumento della temperatura ambiente, dunque potrebbe scattare un’emergenza siccità.

 

Rimedi  

  • Migliorare la rete distributiva (acquedotti).

  • Costruire bacini artificiali (dighe che sbarrano il corso di un fiume, creando un luogo di riserva d’acqua).

  • Evitare l’inquinamento, creare depuratori.

  • Sensibilizzare la popolazione ad un consumo responsabile dell’acqua, evitando gli sprechi.

38

Le regioni  italiane più assetate

L’Emilia Romagna è la regione con la più grande crisi idrica: l’invaso di Mignano, in provincia di Piacenza, riserva considerata indispensabile di acqua potabile oltre che utilizzata a fini irrigui e per la produzione di energia elettrica, è sceso a 700.000 metri cubi,  di conseguenza sono stati sospesi i prelievi per l’irrigazione.

La carenza d’acqua per l’irrigazione non solo ha pregiudicato i raccolti, ma ha condizionato fortemente la semina. Al Nord, il lago di Garda contiene circa il 31% della capienza, mentre scendono rapidamente i livelli anche dei laghi di Como, di Iseo e Maggiore.

39

In Toscana, l’emergenza idrica, iniziata nel Grossetano, ha raggiunto la parte Nord della regione coinvolgendo, per primo, il lago di Massaciuccoli.

Al Centro-Sud, gli invasi registrano mediamente un 30% di acqua in meno rispetto allo scorso anno. Tra le regioni più “assetate” risultano anche: la Calabria e la Basilicata.

40
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Il continente più assetato: l’Africa 

L’Africa è il continente maggiormente colpito dalla carenza d’acqua. A testimoniarlo è anche la classifica dei paesi più colpiti dalle carenze idriche. Se è vero, infatti, che è la Papua Nuova Guinea, in cui solo il 40% degli abitanti ha accesso a fonti di acqua pulita, la nazione che vive la maggiore carenza idrica, è anche vero che a seguirla sono Stati Africani: Guinea Equatoriale, Angola, Ciad e Mozambico, Madagascar. Una testimonianza di questa emergenza è la siccità che attualmente sta colpendo duramente l’Africa orientale e in particolare, Etiopia, Eritrea, Kenya, Somalia e Sud Sudan. Migliaia di persone sono costrette a lasciare le proprie case per cercare fonti di approvvigionamento. Profughi che si vanno ad aggiungere alle migliaia di persone che fuggono dai conflitti che insanguinano la regione.

 

 

42
 by lazzaro lina - Ourboox.com

C’est vraiment indispensable?

Oui, l’eau est indispensable à la vie de l’homme et de tous les autres êtres vivants. C’ est une ressource  vitale puor notre planète!

44
 by lazzaro lina - Ourboox.com

L’eau

La molécule d’eau est frormée d’un atome d’oxygène relié à deux atomes d’hydrogène. Mais l’eau est composée aussi d’autres substances. Dans l’eau douce, par exemple, il y a du calcium, du sodium, du magnésium… Il y a l’eau salée (non potable)  et l’eau douce (potable ou non potable).

                                        

46
 by lazzaro lina - Ourboox.com

La Seine

La plus importante voie fluviale française prend sa source à 471 m d’altitude dans le plateau de Langres. Fleuve de plaine, navigable, la Seine descend lentement dans le Bassin parisien, traverse Paris, forme le port fluvial de Rouen, et se jette dans la Manche par un profond estuaire.

48

Chanson de la Seine

La Seine a de la chance
Elle n’a pas de souci
Elle se la coule douce
Le jour comme la nuit
Et elle sort de sa source
Tout doucement, sans bruit…
Sans sortir de son lit
Et sans se faire de mousse,
Elle s’en va vers la mer
En passant par Paris.
La Seine a de la chance
Elle n’a pas de souci
Et quand elle se promène
Tout au long de ses quais
49
Avec sa belle robe verte
Et ses lumières dorées
Notre-Dame jalouse,
Immobile et sévère
Du haut de toutes ses pierres
La regarde de travers
Mais la Seine s’en balance
Elle n’a pas de souci
Elle se la coule douce
Le jour comme la nuit
Et s’en va vers le Havre
Et s’en va vers la mer
En passant comme un rêve
Au milieu des mystères
                                                   Des misères de Paris                                                                       
                                                                                   Jacques Prévert
50
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Les bons gestes au quotidien pour protéger et économiser l’eau

  • il faut prendre des douches plutôt que des bains

  • Il ne faut pas laisser couler l’eau quand on se lave les dents ou quand on se savonne

  • il faut utiliser le bouton économique  de la chasse  d’eau

  • Il faut récuperer l’eau de pluie pour arroser le jardin

  • Il faut trier les déchets

  • Il ne faut pas polluer jamais la mer, les rivères, les lacs…

  • Quand on utilise le lave-linge il faut faire tourner la machine pleine et choisisr un programme éco

52
 by lazzaro lina - Ourboox.com

WATER IS LIFE

Water is essential to life.

We should drink at least 1½ litres of water a day. 66% of the human body is made up of water.

Two thirds of our planet is covered by water, but about 98% of it is in the oceans and is salt water.

The rest of the world’s water is in rivers, lakes, glaciers and under the ground.

Clean water is very important for a healthy life. Unfortunately, 1.1 bilion people in the world – that’s to say one out of 7 people – still do not have access to it.

Contaminated water carries disease; 80% of illnesses in developing countries are caused by bacteria which people get from water. They are called water-borne diseases. Some, like cholera, come directly from drinking dirty water; others, like malaria, come from organisms living or breeding in water.

Safe water for everybody is the target for people all over the world. Water is precious. Help to save it and keep it clean !!!

54
 by lazzaro lina - Ourboox.com

REMEMBER THAT:

For a shower you about use 40 litres

For a bath you about use 100 litres

For brushing teeth you about use 2 litres

For washing up you about use 20 litres

For using the dishwasher you about use 18 litres

For using the washing machine you about use 70 litres

For flushing toilets you about use 8 litres

For cooking spaghetti you about use 2 litres

For washing car you about use 400 litres !!!

So, did you know?

If you turn off the tap when you brush your teeth, you save water!

56
 by lazzaro lina - Ourboox.com
Here a text about a typical day. Highlight all the actions which involve the use of water.

I get up at seven. I go into the bathroom where i have a shower. I have a cup of tea and some biscuits for breakfast. Then i brush my teeth. After that i leave home and go to school, where i stay from eight to one. At 10.30 we have a ten-minute break. I usually eat a snack and drink a bottle of still water from the vending machine. When i get home from school, i help my mother in the kitchen – i lay the table while she cooks pasta. After lunch i help her with the washing up. Then i relax in front of the tv or the computer for about one hour before doing my homework. On monday and friday afternoons i go swimming from 5 to 6. I usually eat meat, fish or cheese with vegetables and drink water for dinner. After dinner i usually watch tv or listen to music. I go to bed around 10, after brushing my teeth.

 

58

L’ACQUA nella pratica sportiva

-Il corpo umano è composto dal 60-75% di acqua. Questa percentuale varia nel corso della vita a seconda del sesso e dell’età.

-La pratica sportiva caratterizza prevalentemente un più o meno rilevante incremento della produzione di energia da parte delle fibro cellule muscolari. L’aumento della temperatura corporea aumenta il consumo di acqua, pertanto l’organismo, quando è sottoposto a uno sforzo fisico, mette in movimento i meccanismi di termoregolazione in grado di indurre una adeguata produzione della temperatura corporea. Il meccanismo più efficace è l’evaporazione del sudore, infatti ogni grammo o millilitro di acqua che evapora comporta la dispersione di 0,58 kcal. Il sudore è un liquido biologico costituito prevalentemente da acqua, con minime quantità di sali minerali, come cloro, magnesio, potassio e anche di ferro e calcio.

59
 by lazzaro lina - Ourboox.com
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Il Cantico delle Creature

1) Secondo Papa Francesco (dall’Enciclica “Laudato sii” n.67). <<Noi non siamo Dio. La terra ci precede e ci è stata data>> (n.67). Il mondo è qualcosa di più che un problema da risolvere, è un mistero gaudioso che contempliamo nella letizia e nella lode.

2) La questione dell’acqua (sempre da Enciclica di Papa Francesco,2015). La questione dell’acqua nasce da problemi legati all’esaurimento delle risorse naturali. Conosciamo bene l’attuale livello di consumo dei paesi più sviluppati, dove l’abitudine di sprecare raggiunge livelli inauditi. L’acqua potabile rappresenta una questione di primaria importanza perché indispensabile per la vita umana. La disponibilità di acqua è rimasta relativamente costante per lungo tempo, ma ora in molti luoghi la domanda supera l’offerta sostenibile, con gravi conseguenze. 

62

La povertà di acqua la si trova specialmente in Africa, dove grandi settori della popolazione non accedono all’acqua potabile, o subiscono siccità che rendono difficile la produzione di cibo. Fra i popoli sono frequenti le malattie legate all’acqua, incluse quelle causate da microrganismi e sostanze. La dissenteria, “diarrea dovuta a infiammazioni intestinali”, e il colera, “grave infezione intestinale dovuta a servizi igienici e riserve d’acqua inadeguate”, sono un fattore di sofferenza e mortalità. Le falde acquifere in molti luoghi sono minacciate dall’inquinamento. Soprattutto in Paesi dove mancano una regolamentazione e dei controlli sufficienti. 

63

In realtà, l’accesso all’acqua potabile è un diritto umano essenziale, fondamentale e universale, perché determina la sopravvivenza delle persone, e, per questo, è condizione per l’esercizio di altri diritti umani. Questo mondo ha un grave debito sociale verso i poveri che non hanno accesso all’acqua potabile, perché ciò significa negare ad essi il diritto alla vita, radicato nella loro inalienabile dignità. Questo debito si salda con maggiori contributi economici per fornire acqua pulita e servizi di depurazione tra le popolazione povere, però, si riscontra, anche in questo, uno spreco . Ciò evidenzia che il problema dell’acqua comporta una questione educativa culturale, perché non vi è consapevolezza della gravità di tale comportamento iniquo.

64
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Concludiamo così il nostro lavoro lasciandovi un semplice messaggio.

Rendiamoci conto che mari, fiumi e laghi sono diventati il deposito dei rifiuti, che il nostro patrimonio di acqua è in pericolo.

Bisogna intervenire al più presto per salvare il nostro mondo.

Questo è il nostro pianeta, è di ognuno di noi e ciascuno di noi deve impegnarsi a proteggerlo e a salvarlo per le generazioni future.

 

66
 by lazzaro lina - Ourboox.com

Il lavoro è stato svolto, durante l’attività a classi aperte, da tutti gli alunni delle classi terze della Scuola secondaria di 1° grado “E. Mancari” di Capo d’Orlando, con la collaborazione di tutti i docenti delle varie discipline.

 

IL Dirigente Scolastico                                  Gli alunni

Prof. Rinaldo Nunzio Anastasi                    delle classi 3A, 3B e 3C

68
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now