פרקים 1, 2 ספר אוטוביוגרפי כרך א – תרגום לאיטלקיתCapitoli 1, 2 Libro autobiografico Vol. I – Traduzione in italiano by דוד אברמוב DAVID AVRAMOV - Illustrated by DAVID AVRAMOV - Ourboox.com
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

פרקים 1, 2 ספר אוטוביוגרפי כרך א – תרגום לאיטלקיתCapitoli 1, 2 Libro autobiografico Vol. I – Traduzione in italiano

by

Artwork: DAVID AVRAMOV

מייסד ויו"ר תנועת כמוך, כיום נשיא התנועה http://www.kamocha.org/ מייסד הרשת החברתית העולמית לתרומה לקהילה - לאדם לחי ולסביבה http://www.give4u.org/ יזם Read More
  • Joined Sep 2015
  • Published Books 23

David Avramov Autobiography – Volume 1 di 3 parti

 

Contenuti

 

Capitolo 1 – Background sugli ebrei bulgari e l’origine della famiglia – Pagina 2

 

Capitolo 2 Periodi di immigrazione in Israele della mia famiglia, della mia nascita, della scuola materna e della scuola elementare 1952-1967 – Pagina 8

 

 

1

Capitolo 1 – Background sulla famiglia ebraica bulgara Origine bulgara Bulgaria

 

L’ebraismo è una comunità ebraica multietnica che è esistita nella regione bulgara dal 2 ° secolo ai giorni nostri.

Nel 1945 la comunità raggiunse la sua dimensione massima e contava 49.172 persone.

 

I primi ebrei in Bulgaria furono i rumeni: prove di comunità dell’Impero Romano furono trovate nel villaggio di Gigan e nelle città di Plovdiv e Kyustendil.

Durante il periodo del primo impero bulgaro, gli ebrei di Bulgaria servirono da intermediari contro il Regno Khazar, e durante il periodo del Secondo Impero bulgaro godevano di libertà di culto e occupazioni senza precedenti nell’Europa medievale.

Arrivò anche la Baviera, che alla fine del XV secolo arrivarono

2

nei territori dell’Impero Ottomano, compresa la Bulgaria, deportati dalla Spagna e dal Portogallo su invito del sultano ottomano nella Seconda Isit.

che erano letterati multilingue e includevano mercanti e artigiani, integrati nel sistema economico ottomano e prosperarono.

A causa delle dimensioni della comunità sefardita, i membri delle comunità rumena, ashkenazita ed ebraica dall’Ungheria si assimilarono gradualmente in essa.

Il graduale declino dell’Impero Ottomano fu accompagnato da molte guerre nella regione bulgara e da un graduale ma significativo deterioramento della situazione economica degli ebrei di Bulgaria.

Molti profughi ebrei arrivarono in Bulgaria fuggiti in seguito al ritiro dell’esercito ottomano dai territori perso dagli ottomani in Europa.

 

 

3

Dopo la guerra ottomano-russa (1878-1877), il Principato bulgaro ottenne in pratica l’indipendenza, in virtù delle decisioni del Congresso di Berlino.

La nuova costituzione bulgara garantiva ampi diritti alle minoranze del principato e la comunità nominava un rabbino capo che veniva portato fuori dai confini della Bulgaria e gestiva le comunità nelle varie località attraverso un concistoro centrale.

Dopo l’indipendenza della Bulgaria, il sistema educativo ebraico è stato istituito attraverso le scuole dell’intera rete di membri di Israele e allo stesso tempo è iniziata la creazione di scuole comunitarie.

I cambiamenti nel pubblico ebraico includevano un processo secolare, simile al giudaismo in Europa nel suo insieme, e il comportamento delle comunità ebraiche fu sostituito di conseguenza.

Alla fine del XIX secolo, L’attività sionista iniziò in Bulgaria e influenzò l’immigrazione in Palestina.

 

4

I parrocchiani condividevano un insediamento a Khorne, fondarono la colonia sul monte Tov e furono tra i fondatori della colonia yavanal.

Nel 1898 fu fondata in Bulgaria una filiale dell’Organizzazione Sionista.

L’ampia accettazione dell’idea sionista nel pubblico ebraico è stata accompagnata da un acceso dibattito pubblico e persino dalla lotta per il controllo della strada ebraica,

Tra i falchi del movimento sionista, i dignitari delle famiglie ricche chiamate notovels e l’establishment del capo rabbinato guidato dal rabbino Mordechai ahernfreiz.

Allo stesso tempo, c’è stata una lotta per l’immagine dell’educazione ebraica in Bulgaria tra le istituzioni educative comunitarie controllate dal movimento sionista e i capi di tutti i membri di Israele (c “h).

Tutte le battaglie sono state finalmente decise a favore di il movimento sionista e la rete Chach hanno lasciato la Bulgaria.

5

All’inizio del XX secolo, gli ebrei della Bulgaria erano 33.307 e il Principato contava 34 comunità organizzate.

Dopo la sconfitta della Bulgaria durante la prima guerra mondiale, nel Paese è scoppiata un’acuta crisi economica e sociale, che è stata accompagnata da migrazioni interne verso le più grandi città nel loro insieme e principalmente Sofia.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, circa 48.000 ebrei vivevano in Bulgaria e più della metà di loro viveva nella capitale Sofia.

Durante la seconda guerra mondiale, gli ebrei bulgari furono perseguitati dal governo bulgaro e furono soggetti alla legge sulla protezione della nazione che assomigliava nel suo formato alle leggi di Norimberga.

Circa 9.000 uomini ebrei furono inviati ai lavori forzati.

La Bulgaria, alleata della Germania nazista, firmò l’accordo trilaterale e la Wehrmacht entrò nel paese senza combattere e fu accolta con entusiasmo dagli abitanti della Bulgaria.

6

[1] i tedeschi usarono il suolo bulgaro come base d’uscita per la conquista della Grecia e della Jugoslavia.

Il marzo 1943 fu fatidico nella storia della comunità.

Il 10 marzo, un tentativo non è riuscito a espellerli in almeno 6.365 campi di sterminio degli ebrei della “vecchia Bulgaria” a causa di una lotta ostinata guidata dai capi di varie comunità.

 

Assistiti da una manciata di politici e capi della chiesa bulgara, allo stesso tempo i bulgari deportarono a Treblinka gli 11.343 ebrei di Tracia, Vaardar Macedonia e Detail.

In maggio, circa 19.000 ebrei di Sofia furono deportati nelle città campali e successivamente Furono deportati anche molte centinaia di ebrei di altre grandi città.

Dopo la fine della guerra, l’attività sionista nel paese riprese e, in una feroce lotta per il controllo della strada ebraica tra sionisti ed ebrei comunisti, anche l’immigrazione riprese gradualmente.

7

Il processo di immigrazione è accelerato dopo l’istituzione dello Stato di Israele con l’aiuto delle autorità comuniste e la maggior parte dei membri della comunità ha lasciato la Bulgaria.

All’inizio del secondo decennio del 21 ° secolo, vivevano al massimo 4.000 ebrei Bulgaria.

Citato da Wikipedia Vedi ulteriori informazioni qui.

 

Gli ebrei della Bulgaria – Un crimine tra loro e la morte – Moshe Musk

Un articolo che descrive gli ebrei bulgari durante l’Olocausto

http://www.yadvashem.org/odot_pdf/Microsoft%20Word%20-%206589.pdf

 

La comunità bulgara era l’unica comunità ebraica di qualsiasi paese al mondo in cui c’erano ebrei in cui nessun ebreo perì durante l’Olocausto.

8

Grazie agli ebrei bulgari che hanno sostenuto di amare il prossimo come te stesso

e quindi il popolo bulgaro proteggeva gli ebrei perché conoscevano il loro dare nei giorni come una loro correzione.

La famiglia dei miei genitori e i miei nonni sono nati in Bulgaria.

Mio nonno era un uomo ricco – David Hasson – da cui sono stato chiamato.

Ha aiutato molto gli abitanti della Bulgaria per ebrei e non ebrei, era il rappresentante della comunità nel governo bulgaro e nella casa reale bulgara e gli hanno sempre fornito ciò che voleva (per gli ebrei).

Ebrei bulgari 47000 ebrei che non sono stati danneggiati dai nazisti grazie allo stile di vita e all’amore del prossimo come te stesso

grazie a mio nonno, l’uomo più ricco della comunità ebraica bulgara che ha aiutato per primo gli ebrei

9

e ogni mese portava una valigia piena di soldi al re Boris che dava al ministro del Welfare da distribuire ai poveri.

Questa informazione su mio nonno non è menzionata nei libri di storia della Bulgaria per paura di essere interpretata come corruzione.

Quando i nazisti si appellarono al re bulgaro perché mettesse gli ebrei sui treni maledetti per trasportarli alla morte sui treni ea quelli rimasti nei crematori, il re rispose che avrebbe dovuto consultare e restituire una risposta.

In consultazione con i ministri del governo e i rappresentanti del clero, ha ricevuto da loro una dichiarazione “sul nostro cadavere”.

Dopo una settimana dalla sua risposta negativa ai nazisti, è stato assassinato da loro.

Gli ebrei furono immediatamente dispersi in villaggi lontani dalle città.

 

 

10

Gli abitanti del villaggio erano per metà collaboratori e metà partigiani e difendevano gli ebrei.

Papà ha studiato medicina perché la sua famiglia poliedrica non aveva i mezzi finanziari e da quando suo fratello ha studiato medicina ha usato i suoi libri.

Il mio defunto dottor Abramov Meir era un ginecologo e ha fatto miracoli nella sua cura degli abitanti del villaggio e ha ricevuto uova da una parte e galline dall’altra.

 

 

11

Capitolo 2 Periodi di immigrazione in Israele della mia famiglia, nascita, scuola materna obbligatoria e scuola elementare 1952-1967

 

Nel 1952, i miei genitori, insieme ai miei nonni e al fratello di un anno, emigrarono in Israele.

Mio nonno lascia la sua fortuna e il suo patrimonio a un residente bulgaro che lo ha aiutato molto.

I miei genitori sono emigrati in Israele senza proprietà tranne che con mio fratellino di un anno.

Arrivano a Ramla, dove mio padre si stabilisce in una casa araba e inizia a lavorare come ginecologo.

Mia madre serve come infermiera che si occupa degli appuntamenti e lo aiuta anche nella sala di trattamento.

Sono nato il 5 novembre 1953 ei miei nonni si prendono cura dei bambini.

Dopo circa 5 anni, ci trasferiamo a vivere a pagamento a

12

Tel Aviv, nel distretto di Ben Zion, all’angolo di Habima nel 1909.

Il i genitori lavorano dalla mattina a mezzogiorno a Ramla e nel pomeriggio fino alle 20:00 a Tel Aviv.

La cura dei bambini è continuata dai nonni.

Il La situazione di avere una clinica a casa non mi permette di avere amici a casa e posso solo andare a trovare amici a casa.

 

Mio nonno prese il nome da lui – David Hasson – era un uomo che aveva bisogno di compagnia e amava giocare a carte e anche con i soldi.

 

Un giorno sono andato da mio nonno Discount Bank, era di proprietà della famiglia Recanati (interessante vive accanto SD Ben-Zion), e ho chiesto un prestito di 1000 shekel (visto che non volevamo chiederlo a mio padre).

13

Discount Bank è stata identificata con gli ebrei dei Balcani.

Chiedigli se ha fiducia e ha detto, sicuramente la Bulgaria si fida del particolare bulgaro che riceverà da una garanzia.

gli dissero di venire il giorno dopo e di continuare il processo.

Il prossimo arriverà mio nonno Bank, gli disse di sedersi e gli diede un bicchiere d’acqua e si portò un dottore.

mi ha chiesto perché ho bisogno di un medico, non sono malato adesso.

poi gli è stato detto che la Bulgaria si è unita al punto. Ha preso tutti i soldi ed è fuggito dalla Bulgaria e non è stato possibile localizzarlo.

Mio nonno è entrato in depressione.

Mio padre ha iniziato a dargli un’indennità mensile e gli ha detto che non poteva guadagnare troppo un mese perché giocava e sarebbe stato in grado di usare i soldi di conseguenza.

14

Nonostante la mia giovane età ho sentito la delusione di mio nonno. Frustrazione, tristezza.

I suoi amici con cui giocavi a carte all’inizio non credevano che non avesse soldi perché si ricordava che era un uomo molto ricco.

Poi gli hanno dato anche dei soldi perché in passato li ha aiutati molto.

Il nonno è cambiato, non era lo stesso nonno felice che dà a tutto ciò che lo circonda.

15
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

Ad Remove Ads [X]