La libertà di espressione nell’era del web

by ISIS MANZINI

Artwork: Classe 2^ B AFM "I.S.I.S. Manzini"

This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

La libertà di espressione nell’era del web

by

Artwork: Classe 2^ B AFM "I.S.I.S. Manzini"

  • Joined Apr 2021
  • Published Books 3
1

 

ARTICOLO 21

 

 

L’articolo 21 è presenta nella nostra costituzione, scritto il 18 dicembre 1946, prevede 5 commi:

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere al sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di diritti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescrive per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre 24 ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria.

Se questa non lo approva nelle 24 ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.”

 

La storia dell’articolo

Per la scrittura dell’articolo 21 si aprí un dibattito focalizzato sul primo comma, con il quale i costituenti vollero garantire la libertà di manifestazione del pensiero sia ai cittadini italiani che agli stranieri presenti sul territorio della Repubblica. La Democrazia cristiana, attraverso l’on. Giulio Andreotti, propose di modificare il primo comma sostituendo «tutti» con «tutti i cittadini», ma l’Assemblea rigettò la proposta dopo questo intervento dell’on. Gustavo Ghidini : «Credo che il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero, attraverso ogni forma, non appartenga al cittadino in quanto facente parte dello Stato italiano ma appartenga alla personalità umana. E questo diritto io lo riconosco a tutti: stranieri o cittadini che siano. Se invece con questa sostituzione si mira a creare una misura di carattere protezionistico nei riguardi dell’industria editoriale, le opportune misure potranno essere prese in altra sede».

2
3
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now