Madame Bovary by Benedetta Casmiri - Illustrated by Benedetta Casmiri - Ourboox.com
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

Madame Bovary

by

Artwork: Benedetta Casmiri

  • Joined Apr 2021
  • Published Books 2

Madame Bovary è un romanzo di Gustave Flaubert pubblicato nel 1856, esso narra la storia di Emma Bovary non che la figlia di un povero contadino che decise di sposarsi con un medico vedovo, Charles Bovary, un brav’uomo con sani principi ma con poca intelligenza, infatti non è uno studente brillante ne ha una grande personalità. Da ragazzo con l’aiuto economico dei genitori riuscì a studiare la facoltà di medicina e divenne Dottore in medicina studiando le risposte dell’esame a memoria, ottenendo in fine una discreta media, cominciò la sua carriera e si sposò con la Signora Dubuc. La quale sembrava una brava signora ma ben presto riuscii a maltrattare il povero Charles riuscendo ad ottenere ogni cosa da lui mostrandosi antipatica ed avida ai suoi occhi soltanto che il povero Charles non sapeva come emergere e mettere dei freni alla moglie visto il suo carattere poco determinato. La Signora Dubuc arrivò anche al punto di litigare con i suoceri ma di lì a poco morì per la troppa invidia nei confronti di Charles. A nessuno importava della sua morte, tranne che a Charles che addolorato comincio a frequentare la casa del Signor Rouault un contadino a cui aveva guarito una gamba in precedenza ,i due andavano molto d’accordo il signor Rouault spronava molto il giovane Charles, a lungo andare il ragazzo

1

passava sempre più tempo a casa di questo. Che pian piano gli cominciò a parlare anche della figlia Emma e di quanto potessero essere simili i due giovani, secondo la ragazza Charles aveva già superato il lutto della moglie ed era pronto ad andare avanti. I due si conobbero e inizialmente a Charles non li importava molto di Emma, ma con il passare del tempo i due capirono che con il matrimonio ci avrebbero solo guadagnato Charles perchè ormai era attratto dal modo di essere di Emma e del Signor Rouault in oltre facendosi due conti in tasca capii che ci avrebbe solo guadagnato entrambi ed cominciarono a provare qualcosa per l’altro. Si sposarono e per un bel pò la storia andò bene fin quando un girono  i due furono invitati a un ballo aristocratico lì Emma rimase affascinata da quel mondo composto da dame e cavalieri che non gli apparteneva proprio, le ricordava un pò di quando stava al convento e di quanto le affascinasse quel modo degno di vivere. Ogni mese al convento andava una vecchia

 

2

zitella ritirare i panni sporchi accompagnata da un’uomo, questa scappava da Emma a chiacchierare e scherzare, Emma passava interi romanzi alle sue compagne passava pomeriggi a divorarsi interi capitoli. Ovviamente tutti romanzi d’amore, parlavano di amanti, foreste tenebrose, uccisioni. Emma però è sempre stata una ragazza piuttosto incompresa da Charles come se il suo amore non le bastasse i due erano troppo diversi per certi versi, la giovane però era talmente sola che non sapeva neppure con chi confidarsi che si rivolgeva al piccolo cane domestico, parlandogli di un libro, di una trama o di un autore; Charles in quei casi era solo un’approvazione in caso di necessità. Ma infondo Emma voleva che alla sua vita accadesse qualcosa di diverso. Cosi comincio a lavorare sulla sua forza psicologica, cominciando a maltrattare il povero Charles, facendogli credere che avesse qualche problema mentale nervoso, il povero si ritenne costretto a dover cambiare città, ovviamente si accerto che questo cambiamento

3

potesse trarre benefici per le sue tasche, cosi si trasferirono a Yonville, ma prima di partire la giovane donna partorì la piccola Berthe. A Yonville a differenza del suo paesino di campagna ci sono molte persone a modo fra cui il Signor Homais un noto farmacista del posto da cui conobbe Leon un giovane laureato in giurisprudenza il quale perse la testa per Emma ma che stanco della sua perpetua presenza decise di trasferirsi a Parigi. Di lì a poco poi la giovane conobbe Rodolphe ancor più aristocratico di Leon che comprende i suoi problemi di solitudine e di adulterii. Da questo ne scoppiò una gran scintilla, ma Rodolphine era più legato all’interesse fisico e materiale che al vero amore, così che pian piano si allontanò da Emma. Lasciandola in uno stato depressivo e deluso che si sentii costretta da riavvicinarsi a Charles. Lui inconsapevole di tutto ciò era preso dal lavoro, ormai benestanti ma non ricchi abbastanza, Emma cominciò a lasciar perdere i buoi principi da contadinella cominciando a spendere molti soldi. In quel periodo ebbe anche uno slanciò religioso.

4

Dal punto di avvicinarsi alla chiesa con la speranza di trovare lì quell’amore che tanto cercava e che magari non si trovava sulla terra. Proprio in quel periodo però rincontrò Leòn per la seconda volta i due si riavvicinarono, ma la cosa duro poco riallontanandosi anche questa volta. Cadde in una vita di lussi e favoritismi contrando cambiali all’insaputa di Charles fin quando non venne divorata dai debiti e decise di togliersi la vita divorata dall’arsenico, a ritrovarla morta fu proprio la figlia che dovette poi lei pagare i debiti della madre fino ad arrivare alla prostituzione. Charles era pezzi dopo la sua seconda perdita, cosi che perse di vista la figlia.

 

 

 

 

 

 

 

5

Leggendo questo libro ho riflettuto molto sul potere del dei soldi, di quanto ci condizionano. Di quanto ci condizioni la bella vita, il lusso …Perdendo la condizione di ciò che facciamo e lasciando il peso sui nostri cari. Molto spesso i nostri figli. Le persone che riescono a farsi i soldi ma sono povere e hanno un passato povero non riescono mai a essere lucidi quasi mai.

Finendo sempre nel bruciarsi di debiti, o peggio ancora .

 

Emma la protagonista del testo è stata troppo sola, fin dall’inizio. Se avesse avuto una mano magari non avrebbe fatto la fine del libro.

 

Charles invece è stato l’unico dai sani principi magari un pò troppo legato ai soldi delle volte ma alla fine ha sempre fatto il suo dovere. Se solo fosse stato più attento alla moglie non sarebbe mai successa la tragedia .

6
7
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now