Disnelnd by Elisa Anitra - Illustrated by Elisa Anitra - Ourboox.com
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

Disnelnd

by

Artwork: Elisa Anitra

  • Joined Feb 2019
  • Published Books 1

Disneyland Paris  (precedentemente conosciuto come  Euro Disney Resort  e Disneyland Resort Paris ) è un  complesso turistico situato  a  Marne-la-Vallée , a 32 km a Est di  Parigi , a un parco tematico, a  Disneyland Park  e al  Walt Disney Studios Park , un ‘area con ristoranti, negozi e cinema chiamata  Disney Village , un campo da golf e una serie di hotel. È di proprietà della società francese  Euro Disney SCA  e della  The Walt Disney Company . Le lingue ufficiali del Parco sono il  francese  e l’ inglese  MOLTI  membro del cast  Sono  poliglotti  e nel Complesso si Parlano fino a Bon venti lingue diverse.

Il complesso di Disneyland Paris (che comprende entrambi i parchi Disney) è di gran lunga il parco divertimenti più visitato d’Europa e il secondo a livello mondiale.

1
Disnelnd by Elisa Anitra - Illustrated by Elisa Anitra - Ourboox.com

                 La ricerca di una località europea 

La  Walt Disney Company  già nel  1970 aveva  iniziato un progetto in un parco in Europa, dopo il grande successo del parco in Giappone. Nel  1984  i capi della divisione dei parchi a tema Disney, Dick Nunis e Jim Cora, hanno presentato una lista di circa 1.200 possibili sedi per parco. Nel marzo del  1985 , il numero delle possibilità per il parco era stato ridotto a quattro; dovuto in Francia e due in Spagna. Entrambe le nazioni hanno visto i vantaggi economici di un parco a tema Disney e offerto notevole vantaggio economico.

Entrambi i siti spagnoli vicino al Mar Mediterraneo e offrivano un clima subtropicale simile ai parchi Disney in California e Florida.

3
Disnelnd by Elisa Anitra - Illustrated by Elisa Anitra - Ourboox.com

Progettazione e costruzione   

Secondo il progetto definitivo, il parco doveva raggiungere la dimensione di 1.800 ettari entro l’anno 2000. Una piccola parte sarebbe stato adibito allo stesso parco, sul resto si dovevano costruire uffici, teatri, centri culturali, commerciali e ricreativi. L’importo dell’investimento iniziale fu di 15 miliardi di franchi, pari a 2,3 miliardi di euro, più 5 miliardi di franchi (circa 800 mila euro) per la costruzione delle infrastrutture, per un totale di 3,1 miliardi di euro di spese.

Un’area di divertimento, di shopping e di ristoranti, progettata da Frank Gehry, con le sue torri di argento ossidato e bronzo color acciaio, sotto un baldacchino di luci, ha aperto con il nome di Festival Disney (ora denominato Disney Village) . Per una frequenza giornaliera prevista di 55.000, Euro Disney prevedeva di servire circa 14.000 persone all’ora dentro al resort. Per ottenere questo risultato, 29 ristoranti sono stati costruiti all’interno del parco (con ulteriori 11 ristoranti costruiti presso gli alberghi resort Euro Disney e cinque al Festival Disney). I menù e i prezzi sono stati variati con un gusto predominante americano e, come nei precedenti parchi Disney, non vengono serviti alcolici.

A differenza dei parchi Disney americani, la Euro Disney mirava ad assumere dipendenti fissi, al contrario di stagionali e temporanei part-time. I casting sono stati istituiti a ParigiLondra e Amsterdam. Tuttavia, venne inteso dal governo francese e dalla Disney che “sarebbe stato fatto uno sforzo per sfruttare il mercato del lavoro locale francese“. La Disney cercò lavoratori con sufficienti competenze di comunicazione, in grado di parlare almeno due lingue europee. A seguito di un precedente, la Euro Disney ha istituito, per formare i lavoratori, una propria Disney University

5
Disnelnd by Elisa Anitra - Illustrated by Elisa Anitra - Ourboox.com

Controversie

La prospettiva di un parco Disney localizzato in Francia fu oggetto di dibattito e polemiche. I critici, tra i quali eminenti intellettuali francesi, ritenevano il parco come l’imposizione di una forma di imperialismo culturale della Disney che incoraggerebbe in Francia il tipico e malsano consumismo americano. Per altri, Euro Disney è diventato un simbolo dell’America in Francia. Il 28 giugno 1992, un gruppo di agricoltori francesi ha bloccato la costruzione del parco in segno di protesta delle politiche agricole al momento supportate dagli Stati Uniti.

Un giornalista del quotidiano francese Le Figaro ha scritto: “Vorrei con tutto il cuore che i ribelli avessero dato fuoco a Euro Disneyland“. Ariane Mnouchkine, regista teatrale parigina, ha utilizzato il concetto di una “Chernobyl culturale”.

In risposta, il filosofo francese Michel Serres ha osservato, “Non è l’America che ci sta invadendo. Siamo noi che adoriamo chi adotta le sue mode e, soprattutto, le sue parole.

I Sindacati francesi protestarono contro tale “codice di apparenza“, visto come “un attacco alla libertà individuale.” Altri criticarono la Disney per essere insensibile alla cultura francese, in quanto l’individualismo, la privacy, e le restrizioni alla libertà individuali o collettive sono illegali secondo il diritto francese, a meno che non si potesse dimostrare che le restrizioni fossero necessarie per il lavoro.

La Disney ha replicato affermando che una sentenza che impedisse una simile norma occupazionale avrebbe potuto minacciare l’immagine e il successo a lungo termine del parco. “Per noi, il codice sull’aspetto ha un grande effetto dal punto di vista di identificazione del prodotto,” ha affermato Thor Degelmann, direttore del personale di Euro Disney. “Senza di essa non potremmo presentare il prodotto Disney che la gente si aspetta“.

7
8
This free e-book was created with
Ourboox.com

Create your own amazing e-book!
It's simple and free.

Start now

Ad Remove Ads [X]
Skip to content